·Matrimonio Ebraico·

Saprò consigliarvi e seguirvi in tutte le fasi della preparazione e realizzazione del Vostro matrimonio ebraico grazie alla piena conoscenza degli aspetti normativi specifici e di tutti i fornitori che possono in Italia risolvere gli aspetti legati alla kasherut. Il matrimonio ebraico assume un significato sia pubblico che privato, in quanto è si un accordo fra i due sposi, ma con la partecipazione di Dio e per questo rappresenta il patto tra Dio e il Popolo ebraico.

Esso avviene in due momenti: il Kiddhushin in cui lo sposo, alla presenza di due testimoni, dopo che il rabbino officiante abbia recitato la Birkat ha-Erusin, infila l’anello nel dito indice della mano destra della sposa recitando nel contempo la formula: ”Osserva, tu mi sei consacrata per mezzo di questo anello, secondo la legge di Mosè e di Israele” e il Nessu'in che si svolge sotto la Chuppah, un prezioso telo decorato, i cui quattro angoli simboleggiano le mura della casa che la coppia costruirà a partire da quel giorno.

La lettura in Aramaico della Ketubàh, il contratto matrimoniale con cui si fissano gli obblighi del marito nella realizzazione della vita coniugale e familiare prevedendo la costituzione della dote per la donna, divide le due parti del rito. Durante la cerimonia entrambi gli sposi berranno per due volte dalla stessa coppa di vino e verranno recitate dal Rabbino le Sheva Berachot. La cerimonia termina con lo sposo che infrange un bicchiere, per ricordare la distruzione del tempio di Gerusalemme e l’allontanamento dalla Terra Santa del popolo eletto.